Sponsor

febbraio 2012

gennaio 2012

dicembre 2011

novembre 2011

ottobre 2011

settembre 2011

agosto 2011

luglio 2011

giugno 2011

maggio 2011

aprile 2011

marzo 2011

febbraio 2011

gennaio 2011

dicembre 2010

novembre 2010

ottobre 2010

settembre 2010

agosto 2010

luglio 2010

giugno 2010

maggio 2010

aprile 2010

marzo 2010

febbraio 2010

gennaio 2010

dicembre 2009

novembre 2009

ottobre 2009

settembre 2009

agosto 2009

luglio 2009

giugno 2009

maggio 2009

aprile 2009

marzo 2009

febbraio 2009

gennaio 2009

dicembre 2008

novembre 2008

ottobre 2008

settembre 2008

luglio 2008

giugno 2008

maggio 2008

aprile 2008

marzo 2008

febbraio 2008

gennaio 2008

dicembre 2007

Infobus Unicef

Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00 nel Parco di Habbo si parla di...

Emergenza Haiti

Haiti, 12 gennaio 2010: l'inizio di un incubo.
Da quel giorno sono innumerevoli le immagini di morte, disperazione e distruzione che raggiungono ogni angolo del mondo: tende come ospedali, adulti e bambini distrutti dal dolore, feriti gravissimi, il numero di morti in costante aumento, il caos più totale.
I danni provocati dal terremoto alle infrastrutture sono notevoli, tanto da rendere difficilissimo sia comunicare sia muoversi. Regna l'insicurezza da un capo all'altro del paese ed il passaggio degli aiuti umanitari viene garantito solo dalla scorta dei Caschi blu dell'ONU. Il rischio del diffondersi di epidemie è grandissimo.

Quasi la metà della popolazione haitiana è costituita da bambini e ragazzi che adesso, ritrovandosi orfani o dispersi, corrono più che mai il rischio di essere rapiti dalle organizzazioni malavitose ed essere sfruttati.

L'UNICEF si sta impegnando su due fronti: quello della prima assistenza e quello della creazione di due centri di accoglienza per la fase successiva al ricovero dei bambini che potranno essere censiti e si potranno cercare le loro famiglie o inserirli in diversi programmi di protezione: sono tanti coloro i quali non hanno più nessuno.

All'UNICEF è stato affidato l'incarico di coordinare tutte le attività umanitarie nei settori dell'igiene e dell'acqua: acqua che scarseggia non solo per le vittime del terremoto ma anche per gli operatori.

Negli ospedali da campo non è possibile eseguire operazioni chirurgiche, i farmaci e gli strumenti sono ridottissimi.

Sono stati stanziati dal Comitato Italiano per l'UNICEF 300.000 euro quale primo contributo alle operazioni di soccorso. Ma occorre fare molto di più. e per questo è indispensabile l'aiuto di tutti. Assieme a noi, anche i nostri ambasciatori, quali Francesco Totti e Patrizio Rispo, con i loro appelli.

Aiutaci anche tu!

Per saperne di più, gli esperti UNICEF ti aspettano Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle 15,00 alle 17,00 sull'Infobus. Non mancare!

Iscriviti subito all'Habbo Gruppo dell'Unicef! >>


Gli Esperti Unicef